Corso di ear training Teoria e Solfeggio

Come affinare il tuo orecchio musicale e diventare un musicista migliore

Che cos’è l’ear training? L’ear training è l’esercizio di comprensione della musica per eccellenza. Consiste nell’esercizio della capacità di riconoscimento, attraverso il senso dell’udito, degli elementi che compongono la musica come note, accordi, intervalli e ritmica. Allenando il nostro orecchio e imparando a riconoscere melodie, intervalli, accordi, capiremo davvero cosa cantiamo o suoniamo sul nostro strumento, migliorando come musicisti e divertendoci molto di più.

A chi serve l’ear training? In breve…a tutti i musicisti! Sia i principianti sia i professionisti necessitano di esercitare il proprio orecchio relativo per sapere cosa suonano e poter anticipare quello che stanno per suonare!
Comprendere cosa sentiamo è essenziale ed è il motivo per cui l’ear training è un corso obbligatorio nel 99% di tutte le scuole di musica, nel curriculum dei Conservatori e in genere di ogni corso di Musica al mondo.
Il focus dell’ear training. Lo scopo principale dell’ear training è lo sviluppo dell’orecchio musicale. Le attività che si svolgono durante gli esercizi pertanto includono l’identificazione di note a orecchio, la loro trascrizione, riproduzione su strumento o cantando, e – a livello più avanzato – l’improvvisazione a partire da regole di armonia.
In molti corsi di Musica, l’ear training include l’utilizzo delle sillabe per il solfeggio (sistema a Do mobile), il che traduce le capacità di riconoscimento in un contesto tonale. Esercizi di canto sono anche assolutamente parte dell’ear training, in quanto c’è una connessione diretta tra il sentire correttamente e il cantare con precisione (e.g. un cantante è stonato perché ha un orecchio non allenato).
Che cos’e’ il solfeggio? Il solfeggio è una pratica di lettura orale della musica che prevede la scansione ritmica delle note e delle pause e che pertanto aiuta ad assimilare la suddivisione del tempo. Questa pratica è molto utile per scandire e risolvere ogni tipo di battuta che ci si presenta. Attraverso il solfeggio possiamo riuscire a suonare qualsiasi brano musicale senza averlo mai ascoltato. Ci fa acquisire padronanza sul tempo, sul ritmo e ci aiuta a risolvere le battute più complesse (comprese quelle con gruppi irregolari).
Che cos’è la teoria musicale. La teoria musicale è un insieme di metodi per analizzare, classificare e comporre la musica e i suoi elementi.
Più strettamente può essere definita come la descrizione degli elementi della musica, ossia la semiografia, comunemente detta notazione musicale, e la relativa esecuzione. Studiare la teoria musicale è fondamentale per la formazione di un buon musicista poiché lo rende consapevole di “quello che sente” e di “quello che suona”. Tramite lo studio della teoria, che si applicherà ovviamente allo strumento, si potranno studiare i 3 elementi fondamentali della musica: la melodia e quindi la rappresentazione grafica dei suoni o notazione musicale, l’armonia e quindi gli accordi e la loro relazione, il ritmo e cioè la divisione del tempo nel quale si evolve un brano.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart